Contratti collegati – Risoluzione e rigetto domanda 2932 c.c.

In una recentissima pronuncia, il Tribunale di Milano, Sezione VII civile, ha deciso che la risoluzione del principale contratto di appalto comporta la risoluzione dei distinti, ma collegati contratti preliminari con funzione di corrispettivo (permuta) nell’ambito del primo. Il Tribunale, accogliendo la domanda di una parte assistita, che, in qualità di attrice, ha chiesto la restituzione delle somme versate a titolo di acconto dei contratti preliminari prima della risoluzione dell’appalto operata dalla convenuta, ha così motivato: “l’interpretazione della complessiva operazione negoziale posta in essere dalle parti non può che far emergere lo stretto collegamento negoziale tra il contratto di appalto e i contratti preliminari di vendita” e, per questo motivo“venuto meno il contratto di appalto, risolto su iniziativa del committente, appare quindi evidente che l’operazione di acquisto degli immobili non possa più essere portata avanti secondo le modalità inizialmente predisposte dalle parti”.  Da ciò deriva che gli acconti versati dall’attrice in esecuzione dei suddetti contratti preliminari, “non possono essere trattenuti da chi li ha percepiti, in quanto in assenza del trasferimento dell’immobile, rappresentano oggi una dazione di denaro del tutto priva di causa”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi